Comunicati stampa

Il sindaco Loira: “Abbiamo allestito un apparato anche per la seconda fase”. L'assessore Gramegna: “Fondo e buoni dei cittadini per le famiglie anche dopo Pasqua"
Data pubblicazione : 10/04/2020

.

 

E’ terminata nel pomeriggio, nel cortile delle Magnolie interno al municipio, la consegna della seconda parte dei 320 buoni spesa pubblici destinati alle famiglie sangiorgesi. Dopo essere stati contattati telefonicamente i beneficiari hanno avuto accesso ai quattro sportelli allestiti dall’Assessorato ai Servizi sociali ricevendo i ticket e in dono anche mascherine protettive. Le procedure si sono svolte rapidamente e con discrezione, seguite dal vice sindaco Francesco Gramegna Tota. “Al termine delle operazioni la logistica non è stata rimossa - spiega il sindaco Nicola Loira -. Dopo le festività pasquali ci ritroveremo in un incontro tecnico per definire l’attività di consegna di altri sostegni in quella che potremo definire ‘seconda fase’. Continueremo a sostenere le esigenze dei cittadini che hanno più bisogno per superare l’emergenza dovuta alla pandemia. Mi sento di rivolgere un ringraziamento particolare alla ‘squadra' dei Servizi sociali seguita dalla dirigente Iraide Fanesi che in questi giorni, senza pausa, ha dimostrato grande senso di partecipazione e non comune capacità organizzativa. In poco tempo a disposizione si è riusciti ad esaminare e verificare centinaia di richieste, contattare gli interessati, allestire le consegne e definire tutti gli aspetti organizzativi, portando avanti anche l’attività ordinaria del Comune e l’iniziativa ‘Spesa Sospesa”.L’assessore Francesco Gramegna Tota parla delle donazioni ricevute da privati e cittadini: “In soli 5 giorni i sangiorgesi hanno risposto in maniera generosa, la ‘Spesa Sospesa’ ha già superato i 6.200 euro di raccolta negli esercizi cittadini aderenti. Oltre ai buoni per la spesa stiamo organizzando un fondo ad hoc. La prossima settimana definiremo una seconda azione per assistere le famiglie più esposte ai disagi economici legati al Coronavirus".

indietro