Spettacolo viaggiante

Registrazione delle attrazioni di Attività di Spettacolo Viaggiante e attribuzione del codice identificativo

Ai sensi del D.M. 18 maggio 2007, Norme di Sicurezza per le Attività di Spettacolo Viaggiante, le attrazioni dovranno essere registrate e identificate con un apposito codice. L’obbligo riguarda sia le nuove attrazioni che quelle già esistenti; in assenza della prevista registrazione, le attrazioni non potranno essere utilizzate. La procedura di registrazione prevede l’acquisizione del parere della Commissione Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo che:  

- verifica la completezza e l’idoneità della documentazione allegata;

- sottopone l’attrazione ad un controllo di regolare funzionamento nelle ordinarie condizioni di esercizio;

- accerta l’esistenza di un verbale di collaudo;

- dispone eventuali ulteriori approfondimenti, qualora li ritenga necessari.

 

Nuove attrazioni (acquistate dopo il 12/12/2008)

A partire dal 12 dicembre 2007, le attrazioni nuove devono essere registrate prima del loro utilizzo. La registrazione può avvenire:  

- presso il Comune nel cui ambito territoriale è avvenuta la costruzione;

- presso il Comune nel cui territorio è previsto il primo impiego dell’attrazione;

- presso il Comune nel cui territorio è presente la sede sociale del gestore.

 

Attrazioni esistenti sul territorio nazionale (al 12/12/2008)

Le attrazioni esistenti sul territorio nazionale devono ottenere la registrazione e il relativo codice identificativo entro il 12/12/2009 (due anni dall’entrata in vigore del D.M. 18 maggio 2007). La registrazione può avvenire:  

- presso il Comune nel cui territorio è presente la sede sociale del gestore;

- presso il Comune nel cui territorio è in corso l’impiego dell’attrazione.

 

In caso di mancata registrazione, l’attrazione non potrà essere utilizzata, e per la successiva regolarizzazione dovrà seguire il percorso previsto per le nuove attrazioni.

 

Attrazioni esistenti provenienti dall’estero (dal 12/12/2008)

Le attrazioni esistenti provenienti da altri Stati membri dell’Unione Europea, dalla Turchia o da un Paese EFTA firmatario dell’accordo SEE devono ottenere la registrazione ed il relativo codice identificativo prima di essere poste in esercizio sul territorio nazionale. La registrazione può avvenire:  

- presso il Comune nel cui territorio è presente la sede sociale del gestore;

- presso il Comune nel cui territorio è previsto il primo ’impiego dell’attrazione sul territorio nazionale.

 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

L’interessato può presentare la domanda di persona o per posta. La domanda richiede l’apposizione del bollo (14,62 euro), e deve contenere gli allegati di seguito descritti. Nuove attrazioni (acquistate dopo il 12/12/2008):  

- Documentazione tecnica illustrativa e certificativa che dimostri la sussistenza dei requisiti tecnici previsti all’art. 3 del D.M. 18/5/2007;

- Copia del manuale d’uso e manutenzione, redatto dal costruttore, comprensivo delle istruzioni di montaggio e smontaggio, funzionamento e manutenzione;

- Copia del libretto dell’attrazione.

 

Attrazioni esistenti sul territorio nazionale (al 12/12/2008):  

- Disegni e/o schemi, corredati di foto, delle strutture principali e dei particolari costruttivi;

- Verbali delle prove e dei controlli effettuati da tecnico abilitato (redatti non oltre sei mesi prima della presentazione del fascicolo, e almeno relativi a: idoneità delle strutture portanti, idoneità degli apparati meccanici, idoneità degli apparati idraulici, idoneità degli impianti elettrici/elettronici);

- Verbali delle successive verifiche periodiche, di cui all’art. 7 del D.M. 18 maggio 2007;

- Istruzioni d’uso e manutenzione dell’attrazione.

 

Attrazioni esistenti provenienti dall’estero (al 12/12/2008):  

- Disegni e/o schemi, corredati di foto, delle strutture principali e dei particolari costruttivi;

- Verbali delle prove e dei controlli effettuati da tecnico abilitato (redatti non oltre sei mesi prima della presentazione del fascicolo, e almeno relativi a: idoneità delle strutture portanti, idoneità degli apparati meccanici, idoneità degli apparati idraulici, idoneità degli impianti elettrici/elettronici);

- Verbali delle successive verifiche periodiche, di cui all’art. 7 del D.M. 18 maggio 2007;

- Istruzioni d’uso e manutenzione dell’attrazione;

- Certificato di origine dell’attività o altro atto equivalente, redatto dal richiedente in forma di autocertificazione, contenente: gli estremi della ditta costruttrice, la data di costruzione e di primo collaudo, il periodo di pregresso impiego, la dichiarazione di assenza di incidenti significativi;

- Copia della documentazione contabile di acquisto dell’attività da parte del richiedente;

- Attestazione comprovante che l’attività ha già legalmente operato nel Paese di origine o di ultimo utilizzo, rilasciata da ente governativo del relativo Paese, o altro atto equivalente;

- Nuovo collaudo di professionista abilitato o certificazione di organismo di certificazione accreditato.

 

Tutta la documentazione deve essere redatta da professionista abilitato o da organismo di certificazione abilitato, e deve essere prodotta in lingua italiana o accompagnata da una traduzione ufficiale in italiano.

 

MODULISTICA DI RIFERIMENTO

Moduli da utilizzare: 

Domanda di registrazione e assegnazione codice identificativo per attrazioni dello spettacolo viaggiante

 

In caso di mancanza o incompletezza della documentazione, il termine sarà interrotto, e ricomincerà a decorrere dalla presentazione della documentazione necessaria.

L’attrazione priva di registrazione non potrà essere messa in esercizio.

 

SILENZIO ASSENSO

Non è previsto il silenzio assenso.

 

INFORMAZIONI UTILI

L’attrazione priva di registrazione non potrà essere messa in esercizio. A cura del gestore, sull’attività deve essere collocata apposita targa metallica, predisposta e stabilmente fissata in posizione visibile, con i seguenti dati: Comune di _______; Codice ISTAT del Comune _______; Denominazione dell’attività (tipologia da elenco ministeriale): _______; Codice identificativo: _______; D.M. 18 maggio 2007, art. 4. In caso di cessione, vendita o dismissione dell’attrazione, il gestore dovrà darne comunicazione al Comune che ha effettuato la registrazione e rilasciato il codice identificativo. In caso di cessione o vendita con utilizzo da parte di un nuovo gestore dovranno essere richiesti sia il cambio di titolarità della licenza che la voltura degli atti di registrazione e assegnazione del codice identificativo. In caso di dismissione, il gestore dovrà consegnare anche la targa metallica, o certificarne l’avvenuta distruzione.

 

Dove rivolgersi Ufficio SUAP
Indirizzo Via Veneto, 5
Telefono 0734 680254; 0734 680251
Fax 0734 680253
Orario lun. mer. ven. 10.00 - 13.00 mar. e gio. 16.00 - 18.00
PEC suap@pec-comune.portosangiorgio.fm.it
Email commercio@comune-psg.org

 

Settore di servizio I Settore - Servizio Commercio
Dirigente Dr. Gianraffaele  Cecati 0734-680207