Comunicati stampa

“Con la terra sotto i piedi”, sabato 9 giugno (18.30) anteprima del festival “Le parole della montagna” in piazza Silenzi
Data pubblicazione : 07/06/2018

.

 

Porto San Giorgio è vetrina per la presentazione del libro di Andrea Bianchi dal titolo “Con la terra sotto i piedi”, un saggio che svela perché camminare scalzi nella natura fa bene all’anima.
Appuntamento sabato 9 giugno, ore 18.30, in piazza Silenzi, sul suggestivo lungomare, con i colori del tramonto, con la partecipazione dell’autore, dell’assessore alla Cultura Elisabetta Baldassarri ed del direttore artistico del festival “Le parole della montagna” Simonetta Paradisi.
Secondo la direzione artistica, il tema del volume è molto caro al festival di Smerillo, che da anni offre spunti di riflessione per l’“uomo in cerca”, per chi non si ferma in pianura e vuole raggiungere le terre alte. Sul tema “radici” proposto per questa edizione la camminata a piedi nudi nella natura è occasione per ricongiungersi con le radici e le energie primordiali di una madre terra a cui la nostra vita è intimamente connessa, ma anche per ricongiungersi con le radici profonde dell’anima. Levandoci le scarpe per togliere ogni possibile filtro al contatto con gli elementi naturali - spiega Andrea Bianchi autore del libro e fondatore della prima scuola italiana di “ Barefoot Hiking” – ci si trova su un percorso la cui traccia invisibile emerge un passo dopo l’altro. Un cammino lungo il quale si sviluppano l’attenzione mentale e l’equilibrio del corpo, il radicamento con la terra e la capacità di volare lontano. 
Il libro propone i temi più attuali dell’ecologia – la biofilia, l’amore innato dell’uomo per la vita – e gli insegnamenti spirituali della filosofia perenne, conducendo il lettore ad assistere al colloquio in una notte senza tempo con il centenario Spiro Dalla Porta Xydias, lo scrittore e alpinista cantore del “sentimento della vetta”.
L’appuntamento di sabato è un viaggio anche sensoriale, alla fine del quale si andrà subito alla ricerca del sentiero erboso più vicino per togliersi le scarpe e camminare con la terra sotto i piedi.

indietro